Get Adobe Flash player

Analisi elezioni regionali Calabria 2020

Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 
NEWS

Domenica 26 gennaio 840.563 cittadini calabresi si sono recati alle urne (con un’affluenza pari al 44,33% su 1.895.990 elettori) per l’elezione del Presidente della Giunta regionale e dei consiglieri regionali.

Il Consiglio regionale è formato da 30 consiglieri (compreso il candidato alla presidenza giunto secondo) e dal Presidente della Giunta regionale e il candidato alla carica di Presidente della Giunta arrivato secondo (si tratta di una novità rispetto al regime previgente). Riguardo la struttura della votazione, l’elettore dispone di due voti, uno per il candidato Presidente e uno per una lista provinciale. Qualora l’elettore decida di votare solo la lista o, esprimendo una preferenza solo per un candidato della medesima, il voto si trasmette automaticamente al candidato Presidente collegato. Viene mantenuto il voto di preferenza per un singolo consigliere, ma non è ammesso il voto disgiunto. La ripartizione dei seggi è suddivisa in 12 seggi per il collegio di Cosenza, 11 per il collegio di Catanzaro-Crotone-Vibo, 7 per il collegio di Reggio Calabria. In tale ripartizione sono inclusi i candidati alla presidenza. Viene mantenuto il cd. “listino regionale” ridotto a 6 candidati collegati al candidato Presidente che automaticamente entreranno in Consiglio qualora la coalizione nella parte proporzionale non raggiunga il 50% dei seggi. Nel caso in cui il gruppo di liste o i gruppi di liste provinciali collegate a quella regionale abbiano conseguito un numero di seggi pari o superiore a 15, verranno assegnati allo stesso gruppo 3 dei seggi da ripartire secondo il sistema maggioritario. I restanti 3 seggi sono assegnati alle liste non collegate alla lista regionale risultata vincente. Qualora la coalizione vincente non raggiunga i 16 seggi nonostante l’assegnazione del premio di maggioranza, i seggi aggiuntivi vengono attribuiti togliendoli da quelli che sarebbero spettati alle liste di opposizione. I seggi sono assegnati con il sistema proporzionale: in sede provinciale con la formula del quoziente corretto +1 (metodo Hagenbach-Bischoff) e recupero dei seggi residui nel collegio unico regionale (liste provinciali) col metodo del quoziente naturale e più alti resti.

A livello regionale è presente la soglia di sbarramento al 4% sia per le liste che partecipano da sole, sia per quelle in coalizione, mentre per le liste coalizzate è fissata all’8%.

Si sono presentati quattro candidati e, in linea alle previsioni dei sondaggi, la vittoria è andata alla candidata della coalizione di centrodestra Jole Santelli (attualmente parlamentare di Forza Italia, che ha ricoperto l’incarico di vicesindaco di Cosenza e di sottosegretario nei governi Berlusconi e Letta) che subentra al presidente uscente Mario Oliverio del Partito Democratico (diventato per la prima volta consigliere regionale nel 1980, a 27 anni, nelle liste del Partito Comunista Italiano e più volte parlamentare) che in questa tornata elettorale ha rinunciato a ricandidarsi.

La coalizione di centrosinistra (che comprendeva Partito Democratico, la lista civica Io Resto in Calabria e i Democratici Progressisti) ha presentato l’imprenditore Filippo (detto Pippo) Callipo che guida un’azienda storica del settore ittico ed ex Presidente di Confindustria della Calabria che è giunto secondo col 30,14% dei voti. Al terzo posto Francesco Aiello, docente universitario dell’Università della Calabria, candidato del Movimento 5 Stelle e appoggiato anche dalla lista Calabria Civica che ha ottenuto il 7,35%. Infine Carlo Tansi, ricercatore del CNR ed ex presidente della Protezione Civile della regione Calabria, sostenuto da tre liste civiche che ha ottenuto il 7,22%.

Il Partito Democratico, dopo le ultime sconfitte alle elezioni politiche del 2018 ed europee del 2019, è tornato ad essere il primo partito della Regione pur perdendo 66.690 voti e 8,48 punti percentuali rispetto alle precedenti regionali del 2014. Tuttavia, rispetto alle ultime consultazioni elettorali (le europee) ha subìto un ulteriore flessione (-14.887 voti e -3,06 punti percentuali).

Forza Italia, dopo le politiche e la batosta alle europee, torna ad essere il secondo partito mantenendo sostanzialmente invariato il rendimento rispetto alle europee (-1,068 voti e -0,98 punti). La Lista Santelli, in quanto lista civica, non l’ho inclusa nel conteggio assieme a Forza Italia anche se la candidata alla presidenza è espressione di tale partito. La Lega, che non era presente alle regionali del 2014, rispetto alle europee del 2019 diventa il terzo partito perdendo una posizione. La flessione subita rispetto alle ultime elezioni europee è rilevante (-69.515 voti e -10,36 punti percentuali). Continua la crescita di Fratelli d’Italia che è il quarto partito della Regione che guadagna voti sia rispetto alle regionali del 2014 (+65.154 voti e 8,38 punti percentuali), sia rispetto alle recenti europee anche si in misura assai più limitata (+9.672 voti e 0,59 punti). È da segnalare la clamorosa disfatta del Movimento 5 Stelle che fino alle ultime europee del 2019 (dopo il brillante risultato delle politiche del 2018) era il primo partito. Adesso è collocato al nono posto collocandosi sostanzialmente alle posizioni delle regionali del 2014 (+10,439 voti e +1,36 punti) mentre rispetto alle europee del 2019 (-145.911 voti e -20,42 punti)

La partecipazione elettorale si è attestata al 44,33% rimanendo sostanzialmente invariata rispetto alle regionali del 2014 e alle recenti europee.

Tab. 1 – Calabria. Differenze regionali 2020 e europee 2019 riguardanti i principali partiti

Regionali Calabria 2020

Europee 2019 Calabria

partito

voti validi

voti validi in %

partito

voti validi

voti validi in %

Differenza voti validi in valore assoluto

Differenza voti validi in punti percentuali

Partito Democratico

118.249

15,19

Partito Democratico

133.136

18,25

-14.887

-3,06

Forza Italia

96.067

12,34

Forza Italia

97.135

13,32

-1.068

-0,98

Lega

95.400

12,25

Lega

164.915

22,61

-69.515

-10,36

Fratelli D'Italia

84.507

10,85

Fratelli d'Italia/Alleanza Nazionale

74.835

10,26

9.672

0,59

Movimento 5 Stelle

48.784

6,27

MoVimento 5 Stelle

194.695

26,69

-145.911

-20,42

Democratici Progressisti

47.650

6,12

La Sinistra-+Europa-Italia In Comune-Pde Italia

29.293

4,02

18.357

2,1

 

Votanti in %

 

 

Votanti in %

 

 

 

 

44,33

 

 

43,99

 

 

 

 

Tab. 2 – Calabria. Differenze regionali 2020-2014

Regionali Calabria 2020

Regionali Calabria 2014

 

 

partito

voti validi

voti validi in %

partito

voti validi

voti validi in %

Differenza voti validi in valore assoluto

Differenza voti validi in punti percentuali

Partito Democratico

118.249

15,19

Partito Democratico

185.209

23,67

-66.960

-8,48

Forza Italia

96.067

12,34

Forza Italia

96.066

12,28

1

0,06

Lega

95.400

12,25

Lega

 

 

Non presente

 

Fratelli D'Italia

84.507

10,85

Fratelli d'Italia/Alleanza Nazionale

19.353

2,47

65.154

8,38

Unione di Centro

53.250

4,46

Unione di Centro

21.020

2,69

32.230

4,15

Casa delle Libertà

49.778

4,18

Casa delle libertà

67.189

8,59

-17.411

-2,19

Movimento 5 Stelle

48.784

3,77

MoVimento 5 Stelle

38.345

4,9

10.439

1,36

Democratici Progressisti

47.650

3,37

Democratici Progressisti

56.928

7,28

-9.278

-1,16

Altri Cdx

65.816

8,45

Altri Cdx

47.574

6,08

18.242

2,37

Altri Sx

61.699

7,92

Altri Sx

104.195

13,32

-42.496

-5,4

Altri

57.402

7,37

Altri

89.663

11,46

-32.261

-4,09

_Totale

289.330

100

_Totale

236.470

100

 

 



Sia in termini di voto al presidente sia in quelli di voto alle liste e alle coalizioni, il centrodestra ha superato nettamente il centrosinistra. Jole Santelli ha ottenuto 204.551 voti in più (pari a 25,15 punti percentuali) di Pippo Callipo, mentre la sua coalizione ha superato quella della maggioranza uscente per 217.220 voti (pari a 27,89 punti percentuali).

Tab. 3 – Calabria. Differenze voti candidati e voti alla coalizione

Candidati Presidente

Numero di liste a sostegno dei candidati

Voti candidati

Voti liste collegate

Diff. In valore assoluto

Diff. In %

Voti personali in % sul totale dei voti attribuiti ai soli candidati

Jole Santelli

6

449.705

444.818

4.887

1,09

14,06

Filippo Callipo

3

245.154

227.598

17.556

7,16

50,52

Francesco Aiello

2

59.796

57.328

2.468

4,13

7,10

Carlo Tansi

3

58.700

48.858

9.842

16,77

28,32

_Totale

14

813.355

778.602

34.753

4,27

100,00


Come si evince dalla tabella 3, tutti i candidati presidente hanno ottenuto più voti delle liste o delle coalizioni a supporto. Filippo Callipo è stato il candidato Presidente, in valore assoluto, che ha ottenuto più voti personali rispetto alla propria coalizione di riferimento (17.556 voti, pari a una differenza del 7,16%).

 

Tab. 4 – Calabria. Differenze voti coalizioni regionali 2020/2014

Regionali Calabria 2020

Regionali Calabria 2014

 

 

Coalizione

voti validi

voti validi in %

Coalizione

voti validi

voti validi in %

Differenza voti validi in valore assoluto

Differenza voti validi in punti percentuali

Centrodestra

449.705

55,29

Centrodestra

188.288

23,59

261.417

31,7

Centrosinistra

245.154

30,14

Centrosinistra

490.229

61,41

-245.075

-31,27

Movimento 5 Stelle

59.796

7,35

Movimento 5 Stelle

39.658

4,97

20.138

2,38

Altri

58.700

7,22

Altri

10.548

1,32

48.152

5,90

 

 

 

Altri di centro

69.521

8,71

 

 

Come si evince dalla tabella 4, rispetto alle precedenti elezioni del 2014, la coalizione uscente di centrosinistra ha perso 245.075 voti pari a ben 31,27 punti percentuali. Al contrario, la coalizione di centrodestra in termini di voti ne guadagna 261.417, pari a 31,7 punti percentuali.

In definitiva, da queste elezioni si evincono questi aspetti rilevanti:

-          una sostanziale conferma della partecipazione elettorale sia in confronto alle europee del 2019, sia in confronto alle regionali del 2014;

-          una buona affermazione netta di Fratelli d’Italia soprattutto rispetto alle regionali del 2014,

-          una disfatta del Movimento 5 Stelle rispetto alle recenti elezioni europee del maggio 2019.