Get Adobe Flash player

Sistema elettorale San Marino

Valutazione attuale: / 1
ScarsoOttimo 
SISTEMI ELETTORALI - EUROPA

SISTEMA ELETTORALE SAN MARINO

Forma di governo Repubblica parlamentare
Superficie 61 Km²
Popolazione 33.500 ab. (2020)
Densità 549 ab/Km²

Capitale San Marino (4.100 ab.)
Moneta Euro
Lingua Italiano
Speranza di vita M 83 anni, F 87 anni

San Marino è una Repubblica parlamentare fondata, secondo la tradizione, nel 301 d.C. e riconosciuta ufficialmente nel 1291. Dal 1992 fa parte dell’ONU. Non fa parte dell’Unione Europea.

San Marino dispone di due Capi di Stato (Capitani Reggenti) nominati per 6 mesi dal Consiglio Grande e Generale. I Capitani Reggenti presiedono il Parlamento. Capo del Governo è il Segretario di Stato per gli affari esteri nominato dal Parlamento per 5 anni. Le donne votano per la prima volta nel 1964.

Il potere legislativo è affidato ad un Parlamento monocamerale, il Consiglio Grande e Generale formato da 60 membri eletti per 5 anni col sistema proporzionale metodo D'Hondt in circoscrizione nazionale. I votanti possono votare una coalizione elettorale o uno dei partiti della coalizione. Un elettore può dare un voto preferenziale per un candidato della lista per la quale ha votato. Le coalizioni elettorali devono presentare la composizione del loro potenziale governo e dei programmi prima della giornata elettorale. La soglia per vincere la rappresentanza parlamentare è determinata moltiplicando il numero di liste che partecipano alle elezioni di 0,4 (ad esempio, se ci sono sei liste, la soglia sarebbe del 2,4 per cento). La soglia massima è fissata al 3,5 per cento dei voti validi, indipendentemente dal numero di liste. I seggi saranno attribuiti innanzitutto ai candidati che hanno ricevuto il maggior numero di voti preferenziali. In caso di parità, la preferenza verrà data alle candidature femminili, seguita dalla durata del servizio come MP e quindi in ordine decrescente di età.

Per poter formare un nuovo Governo, una lista deve ottenere più della metà dei voti validi espressi o almeno 30 seggi. Se nessuna lista soddisfa questo requisito, si terrà un secondo turno due settimane dopo il primo turno tra le due liste che hanno ottenuto il maggior numero di voti. Al fine di garantire un governo stabile, alla lista vincente saranno attribuiti dei 'seggi di bonus' per assicurare un minimo di 35 seggi.

Dal 2016, ammesso il voto di preferenza per un solo candidato appartenente alla lista prescelta. L'elettorato attivo è fissato a 18 anni mentre quello passivo a 21 anni.

Caratteristiche del sistema elettorale Consiglio Grande e Generale a partire dal 1998

Anni e numero di elezioni

Formula elettorale

Grandezza media della circoscrizione

Numero delle circoscrizioni

Soglia legale

Struttura della votazione

1998-2012 (5)

D’Hondt

60

1

 

Ammesso il voto di preferenza fino ad un massimo di tre candidati

2016

D’Hondt

60

1

Fino ad un massimo del 3,5% dei voti validi

Ammesso il voto di preferenza per un solo candidato

Fonti: Interparliamentary Union, http://www.elezioni.sm/on-line/home/elezioni-politiche/sistema-elettorale.html e www.globalgeografia.com

Ultimo aggiornamento (Martedì 15 Dicembre 2020 11:48)