Get Adobe Flash player

Sistema elettorale Croazia

Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 
SISTEMI ELETTORALI - EUROPA

SISTEMA ELETTORALE CROAZIA

Forma di governo Repubblica parlamentare
Superficie 56.594 Km²
Popolazione 4.285.000 ab. (censimento 2011)
4.170.000 ab. (stime 2016)
Densità 74 ab/Km²

Capitale Zagabria (705.000 ab.)
Moneta Kuna croata
Indice di sviluppo umano 0,818 (47° posto)
Lingua Croato
Speranza di vita M 75 anni, F 81 anni

La Croazia è una Repubblica parlamentare facente parte della Jugoslavia e diventata indipendente nel giugno del 1991. È membro dell’Unione Europea dal 2013, della NATO dal 2009 e dell’ONU dal 1992.

Il Presidente della Repubblica è eletto a suffragio universale con il sistema elettorale maggioritario a doppio turno. Se nessun candidato raggiunge la maggioranza assoluta al primo turno si svolgerà un turno di ballottaggio tra i primi due. Dura in carica 5 anni rinnovabili per un solo mandato.

Il potere legislativo è affidato ad un Parlamento monocamerale (Sabor), formato da 151 membri eletti per 5 anni di cui 143 col sistema proporzionale metodo D’Hondt: 140 sono ripartiti in 10 circoscrizioni plurinominali (ognuna ha 14 seggi); 3 seggi sono assegnati in 1 circoscrizione speciale per i cittadini residenti all’estero. Dal 2015 è ammesso il voto di preferenza per un candidato della lista prescelta anche nella circoscrizione estero. I voti di preferenza sono considerati solo nel caso in cui il candidato abbia ottenuto almeno il 10% dei voti dell’intera lista. Inoltre 8 seggi sono riservati alle minoranze autoctone in 1 circoscrizione nazionale e sono eletti con il first past the post. Le minoranze riconosciute in Croazia sono 22: la minoranza serba elegge tre deputati, gli ungheresi e gli italiani eleggono ciascuno un deputato, le minoranze ceche e slovacche scelgono congiuntamente un deputato e tutte le altre minoranze scelgono i due ultimi parlamentari.  L’elettore, di una minoranza nazionale, può richiedere la scheda elettorale del luogo di residenza o la scheda elettorale della minoranza nazionale cui appartiene e ha diritto di ricevere quella che preferisce.  Per i seggi assegnati con il sistema proporzionale è presente una soglia di sbarramento del 5% dei voti validi a livello circoscrizionale.

Sia l’elettorato attivo, sia quello passivo sono fissati a 18 anni.

 

CARATTERISTICHE DEL SISTEMA ELETTORALE PARLAMENTO CROATO (Hrvatski Sabor) [1]

Anni e numero di elezioni

Formula elettorale

Grandezza media della circoscrizione

Numero delle circoscrizioni

Soglia legale

Struttura della votazione

1992

FPTP

1

60

 

Lista rigida

D’Hondt

60

1

5% a livello circoscrizionale

 

FPTP

1[2]

18

 

 

1995

FPTP

1

28

 

Lista rigida

D’Hondt

80

1

5% a livello circoscrizionale

 

D’Hondt

12[3]

1

 

 

FPTP

1[4]

7

 

 

2000-2011 (4)

D’Hondt

14

10

5% a livello circoscrizionale

Lista rigida

5[5]

1

5% a livello circoscrizionale

 

FPTP

1[6]

1

 

 

2015 (1)

D’Hondt

14

10

5% a livello circoscrizionale

Ammesso il voto di preferenza

3[7]

1

5% a livello circoscrizionale

Ammesso il voto di preferenza

FPTP

1[8]

1

 

 


Fonti: www.global geografia.com, http://users2.unimi.it/dirpubesteuropa/the-political-and-electoral-system-of-croatia-the-great-uncertainty-after-the-2015-parliamentary-elections/, Interparliamentary Union e Wikipedia.

 

 


[1]Fino al 1997 il Parlamento era bicamerale ove accanto alla Camera dei Rappresentanti c’era la Camera dei Distretti.

[2]Eletti dai cittadini residenti all’estero in una circoscrizione speciale.

[3]Eletti dalle minoranze autonome in una circoscrizione speciale.

[4]Eletti dai cittadini residenti all’estero in una circoscrizione speciale.

[5]Eletti dai cittadini residenti all’estero in una circoscrizione speciale (5membri).

[6]Eletti dalle minoranze autonome in una circoscrizione speciale (8 membri).

[7]Eletti dai cittadini residenti all’estero in una circoscrizione speciale (3 membri).

[8]Eletti dalle minoranze autonome in una circoscrizione speciale (8 membri).