Get Adobe Flash player

Elezioni presidenziali Corea del Sud 2017

Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 
NEWS

Il 9 maggio si sono svolte, in Corea del Sud, le elezioni presidenziali anticipate in seguito alla decisione del Tribunale Costituzionale di proseguire il processo di rimozione contro Park Geun-hye da parte dell’Assemblea Nazionale (Parlamento monocamerale sudcoreano). Nel frattempo la carica di Presidente è stata ricoperta ad interim dal primo ministro Hwang Kyo-ahn.

L’origine dello scandalo parte da Choi Soon-sil una donna d’affari proprietaria di varie catene immobiliari, amica storica e assistente personale di Park. Choi, che non ricopriva alcun incarico pubblico, nel novembre del 2016 è stata accusata di aver posto in essere un gigantesco sistema di corruzione usufruendo dell’influenza di Park. In particolare, Choi è stata accusata e arrestata per aver ottenuto tangenti da alcune grandi imprese del paese (come la Samsung) per le sue fondazioni. Choi si occupava perfino di scrivere i testi dei discorsi ufficiali di Park. In sostanza, Park era “nelle mani” di Choi.

Le incessanti manifestazioni di protesta di milioni di cittadini sudcoreani in tutte le principali città del paese, sono state la causa delle dimissioni della presidente uscente Park Geun-hye, nonostante le sue reiterate scuse ufficiali.

Park Geun-hye (figlia dell’ex dittatore Park Chung-hee, che prese il potere con un colpo di stato nel 1961 e governò fino al 1979) del Partito Nuova Frontiera (Saenuri, di orientamento conservatore), è stata la prima donna a diventare Capo di Stato in Corea del Sud e la prima ad esserlo in un paese dell’Asia Orientale.

Il 9 dicembre 2016, la presidente Park è stata rimossa dalla carica dall'Assemblea Nazionale con 234 voti a favore e 56 contrari (con sette voti non validi e due astensioni) con l’accusa di corruzione, divulgazione dei segreti di stato e abuso d’ufficio. Il 10 di marzo la Corte Costituzionale ha ratificato (con decisione presa all’unanimità) la destituzione di Park e indetto nuove elezioni.

In virtù dello scandalo, il partito della Presidente uscente ha subìto un crollo dei consensi oltre ad essersi frammentato e tutti i sondaggi davano per scontata un’ampia affermazione del candidato del Partito Democratico (di centrosinistra) Moon Jae-in. E così è stato.

Moon Jae-in, che nelle presidenziali del 2012 fu battuto per un soffio dalla Park, ha ottenuto il 41.09% dei suffragi distanziando di ben 16 punti percentuali Hong Jun-pyo il candidato del Partito della Libertà della Corea (in precedenza Partito Saenuri che significa della Nuova Frontiera) che ha pagato a caro prezzo gli scandali che hanno coinvolto la presidente uscente Park.

Ahn Cheol-soo del Partito Popolare (fondato nel febbraio del 2016, di orientamento centrista), si è piazzato al terzo posto con il 21,42% dei voti. I rimanenti dieci candidati hanno ottenuto una percentuale assai inferiore al 10% dei suffragi. Rispetto alle ultime presidenziali del 2012, si segnala un aumento della partecipazione elettorale di quasi 2 punti percentuali).

Moon Jae-in quando era studente si è distinto per il suo attivismo contro la dittatura di Park Chung-hee. In seguito fu reclutato dalle Forze speciali dove partecipò ad una missione militare. È stato avvocato impegnato nel campo dei diritti umani e civili e in politica estera è strategicamente favorevole alla riunificazione con la Corea del Nord pur nell’ambito del mantenimento del rispettivo sistema economico. Ovviamente si tratta di un obiettivo che richiede tempi lunghi, tuttavia sarebbe di un’inversione di tendenza rispetto agli ultimi governi il ripristino dei rapporti con i cugini nordcoreani. Si tratterebbe di una ripresa di quella politica di pacificazione (denominata sunshine policy) portata avanti dal predecessore Kim Dae-jung, primo presidente cattolico e Premio Nobel per la Pace che ha combattuto a lungo contro la dittatura nel suo paese.

Da ricordare che in Corea del Sud il Presidente viene eletto con il sistema elettorale del first-past-the-post (si aggiudica la presidenza il candidato più votato al primo turno). Il Presidente dura in carica 5 anni e il suo mandato non può essere rinnovato.

Ultimo aggiornamento (Lunedì 15 Maggio 2017 16:35)