Get Adobe Flash player

Ballottaggio presidenziali Francia 2017

Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 
NEWS

Domenica 7 maggio 2017, si è svolto il turno di ballottaggio delle elezioni presidenziali francesi. È interessante notare che, per la prima volta nella storia della V Repubblica, i candidati dei due maggiori partiti sono stati esclusi. Sono andati al ballottaggio il candidato liberal progressista ed europeista Emmanuele Macron e la candidata populista di destra Marine Le Pen sovranista e antieuropeista.

Emmanuele Macron (investment banker di Banca Rothschild e precedentemente ispettore delle finanze al Ministero dell’Economia), è stato Ministro dell’Economia, dell’Industria e Affari Digitali durante la presidenza Hollande. Macron è stato un membro del Partito Socialista dal 2006 e nel 2015, ha dichiarato la sua fuoriuscita definendosi ormai un indipendente. Nell’aprile del 2016 ha fondato un nuovo movimento social liberale En Marche (il cui nome ufficiale è Associazione per il rinnovamento della vita politica) il cui obiettivo è prendere voti da destra a sinistra con un programma piuttosto generico seppur rivolto soprattutto ai lavoratori dipendenti e autonomi con un alleggerimento della pressione fiscale per famiglie e imprese.

Macron ha avuto l’appoggio esplicito di Fillon (candidato del centrodestra sconfitto al primo turno) e implicito del presidente uscente Hollande.

Marine Le Pen, ex avvocato, è stata la candidata del Fronte Nazionale che durante la campagna elettorale ha proposto fermamente l’uscita dall’euro della Francia e relazioni privilegiate con la Russia di Putin. La sua posizione è per un sovranismo integrale ossia politico, economico e culturale. Tra le sue principali proposte, quella di organizzare un referendum per l’uscita dalla Francia dall’UE e dall’euro, di mettere fine agli accordi di Schengen con la chiusura delle frontiere e di inserire nella Costituzione la precedenza ai cittadini francesi per servizi pubblici e sussidi rispetto agli stranieri. Inoltre, è a favore della riduzione a 60 anni dell’età pensionabile, per l’abrogazione dello ius soli. Le Pen incarna l’ondata populista di destra che sta attraversando l’Europa. Le Pen ha dovuto affrontare qualche problema giudiziario essendo stata accusata di aver usato fondi dell’europarlamento per stipendiare la direttrice della sua campagna in Francia. Inoltre, il Parlamento europeo le ha revocato l’immunità parlamentare perché nel 2015 aveva twittato immagini di violenze commesse dall’ISIS.

Tutto l’establishment politico e finanziario si è schierato contro Le Pen.

Gli elettori, in linea con le previsioni di tutti i sondaggi, hanno scelto Macron che ha condotto una campagna elettorale all’insegna delle parole d’ordine di patria, libertà, fraternità ed eguaglianza definendo Le Pen “sacerdotessa della paura”. Marine Le Pen ha incentrato la sua campagna elettorale contro la globalizzazione selvaggia accusando Macron di far parte a pieno titolo dell’establishment politico-finanziario.

Un aspetto importante è il numero elevato di schede bianche e nulle (8,55%). È ipotizzabile che molti elettori abbiano seguito le indicazioni di Mélenchon di non dare indicazioni di voto. Rispetto al ballottaggio delle precedenti presidenziali del 2012 vi è stato un netto calo della partecipazione (-14,36 punti percentuali che si traducono in 3.400.000 circa elettori in meno).

Nonostante la vittoria, la strada per Macron sarà piena di ostacoli anche perché a giugno dovrà affrontare le elezioni legislative con il suo nuovo partito che avrà bisogno di strutturarsi e di organizzarsi in merito alle alleanze. Inoltre, dovrà affrontare un'opposizione che si preanuncia agguerrita. Ad ogni modo il giovane neo presidente, dovrà tradurre in atti concreti le sue promesse di rinnovamento. Alle prossime elezioni legislative, l’elettorato francese sarà diviso in 4 orientamenti politici: liberal-progressisti, populisti di destra (antiglobalisti e sovranisti), populisti di sinistra e centrodestra repubblicano. Vedremo.

Risultati definitivi del turno di ballottaggio:

Candidati Presidente

partiti/coalizioni

voti validi

voti validi in %

Emmanuel Macron

En marche !

20.753.798

66,08

Marine Le Pen

Front National

10.653.798

33,92

_Totale


31.407.596

100,00

Elettori

Votanti

Votanti in %

Voti validi in %

Schede non valide

Schede non valide in %

Schede bianche

Schede nulle

47.582.183

31.397.916

65,99

66,01

4.069.256

8,55

3.019.724

1.049.532

Fonti: http://fr.wikipedia.org/wiki/Élection_présidentielle_française_de_2017, https://presidentielle2017.conseil-constitutionnel.fr/ e http://elections.interieur.gouv.fr/presidentielle-2017/FE.html (elaborazione Roberto Brocchini)

Ultimo aggiornamento (Lunedì 15 Maggio 2017 12:10)