Get Adobe Flash player

Sondaggio

Chi vincerà le elezioni presidenziali in Francia?
 

Sistema elettorale del Parlamento della Svezia

Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 
SISTEMI ELETTORALI - EUROPA

SISTEMA ELETTORALE SVEDESE

Forma di governo Monarchia parlamentare

Superficie 450.295 Km²

Popolazione10.014.873 ab. (2017)

Densità 23,1 ab/Km²

Capitale Stoccolma (1.515.017 ab.)

Moneta Corona svedese

Indice di sviluppo umano 0,913 (14° posto)

Indice di Gini 25,4 (2015)

Lingua Svedese (ufficiale), sami, finlandese

Speranza di vita M 80 anni, F 84 anni

La Svezia è una Monarchia parlamentare dove il ruolo del Monarca è meramente cerimoniale essendo privato anche formalmente del potere politico dal 1974. Il potere legislativo è affidato ad un Parlamento monocamerale (Riksdag) eletto per la durata di 4 anni con un sistema proporzionale di lista. Il Riksdag è composto da 349 membri di cui 310 sono eletti con il metodo S. Laguë modificato (dividendo i voti ottenuti dai partiti per i divisori 1,4, 3, 5 etc.) in 29 circoscrizioni plurinominali di dimensioni molto differenti (da 2 a 34 seggi). Per ottenere un seggio, un partito deve ottenere almeno il 4% del totale dei voti validi o almeno il 12% dei voti in una determinata circoscrizione. È ammesso il voto di preferenza. In questi casi, la soglia richiesta per l'elezione sulla base dei voti personali è il 5% del totale dei voti del partito del candidato nella circoscrizione in questione.

I 39 seggi rimanenti sono distribuiti come mandati compensativi con il metodo Hare (quoziente naturale e più alti resti) sulla base dei voti ottenuti a livello nazionale dai partiti che abbiano ottenuto il 4% dei voti espressi in tutto il paese. Una volta stabilito quali partiti hanno diritto a una quota dei seggi di compensazione, il numero di seggi cui ogni partito ha proporzionalmente diritto (sul totale di 349 seggi) è calcolato sulla base del numero totale dei voti espressi per questi partiti in tutte le parti del paese. Dal numero di seggi di cui ha diritto ciascun partito, è sottratto il numero di seggi già ottenuti nelle ventinove circoscrizioni. La cifra risultante è il numero di seggi compensativi spettanti a ciascun partito. Da notare che i partiti che conquistano più seggi rispetto a quelli che gli spetterebbero con il quoziente Hare, hanno diritto a mantenerli. Comunque, il sistema elettorale si mantiene sostanzialmente totalmente proporzionale.

Tabella 1: allocazione dei seggi compensatori alle elezioni del 2010[1]

Partiti

Totale voti

Allocazione dei 349 seggi in base ai voti ottenuti a livello nazionale

Seggi conquistati a livello circoscrizionale

Seggi compensatori

Seggi compensatori in pratica

Social Democratic Party

1.827.497

108,554

112

-3

0

Moderate Party

1.791.766

106,432

107

-1

0

Green Party

437.435

25,984

19

7

6

Liberal People's Party

420.524

24,979

17

8

7

Centre Party

390.804

23,214

21

2

2

Sweden Democrats

339.610

20,173

14

6

6

Left Party

334.053

19,843

9

11

10

Christian Democrats

333.696

19,822

11

9

8

Totale

5.875.385

349

310

39

39

 

Sia l’elettorato attivo sia quello passivo sono fissati a 18 anni.

Caratteristiche del sistema elettorale del Riksdag dal 1921 ad oggi

Anni e numero di elezioni

Formula elettorale

Grandezza media della circoscrizione

Numero delle circoscrizioni

Soglia legale

N° seggi

Struttura della votazione

1921-48 (8 elezioni)

D’Hondt

8,18

28

-

230

Voto di preferenza

1952- 68 (6 elezioni)

S. Laguë mod.

8,26

28

-

231 (1956), 232 (1960), 233 (1964)

Voto di preferenza

1970- 2010 (13 elezioni)

S. Laguë mod.

11,07

28

4% N e 12% D

310

Voto di preferenza

Hare

349

1

40 (1970), 39 (dal 1974 in poi)


Fonti: http://www.val.se/sprak/engelska/Elections_in_Sweden_2014_juli_webb.pdf, https://www.math.kth.se/wem/swedish_election_system_in_brief.pdf, http://www.electoralsystemchanges.eu/Files/media/MEDIA_175/FILE/Sweden_summary.pdf, https://www.math.kth.se/wem/Linusson.pdf, http://www.osce.org/odihr/elections/70947?download=true e A. LIJPHART, Electoral Systems and Party Systems, Oxford, Oxford University Press, 1994.

 


[1]Esempio tratto da Svante Linusson in, https://www.math.kth.se/wem/Linusson.pdf

Ultimo aggiornamento (Venerdì 14 Aprile 2017 09:43)