Get Adobe Flash player

Sistema elettorale Parlamento della Svizzera

Valutazione attuale: / 1
ScarsoOttimo 
SISTEMI ELETTORALI - EUROPA

Dati geopolitici

Forma di governo Repubblica federale
Superficie 41.284 Km²
Popolazione 8.545.000 ab. (2018)
8.570.000 ab. (stime 2019)
Densità 208 ab/Km²

Capitale Berna (134.000 ab., 215.000 aggl. urbano)

Moneta Franco svizzero
Indice di sviluppo umano 0,944 (2° posto)
Lingua Tedesco, Francese, Italiano, Romancio
(tutte ufficiali)
Speranza di vita M 82 anni, F 86 anni

 

La Svizzera è una Repubblica che ha un sistema di governo direttoriale. Tale sistema ha come caratteristiche essenziali:

1) di prevedere un Capo dello Stato a carattere collegiale (Consiglio Federale) composto da 7 membri che a turno, per un anno, ricoprono la carica di Presidente della Repubblica;

2) assenza di rapporto fiduciario tra Parlamento e Governo.

La Svizzera ha concesso il diritto di voto alle donne a livello nazionale solo nel 1971.

Il Parlamento (Assemblea Federale) è bicamerale ed è composto da un Consiglio Nazionale e da un Consiglio degli Stati (rappresentativo dei Cantoni). Le due Camere hanno gli stessi poteri (bicameralismo perfetto). Il Consiglio Nazionale è formato da 200 membri eletti per 4 anni di cui 194 col sistema proporzionale di lista in 21 circoscrizioni plurinominali, metodo Hagenbach-Bischoff (con assegnazione dei seggi residui in base alla media più alta. L’elettore può votare per tanti candidati quanti sono i seggi in palio nel Cantone. È ammesso il cd panachage[1] e il voto cumulativo (può votare due volte uno stesso candidato); 6 sono eletti col plurality system in collegi uninominali (precisamente nei Cantoni di Appenzell Innerrhoden, Appenzell-Ausserrhoden, Glarus, Nidwalden, Obwalden e Uri). I seggi nel Consiglio nazionale sono distribuiti tra i Cantoni all'inizio di ogni nuovo periodo legislativo (ogni quattro anni), in proporzione alla loro popolazione residente permanente. Il calcolo è fatto sulla base della popolazione nell'anno successivo alle precedenti elezioni.
I Cantoni di Ginevra e del Vaud hanno ciascuno un seggio in più rispetto alle elezioni del 2015. I Cantoni di Berna e Lucerna ne hanno uno in meno. Sia l’elettorato attivo, sia quello passivo sono fissati a 18 anni.

Da notare che nel cantone di Schaffhausen il voto è obbligatorio e la cui mancanza ingiustificata è punita con 6 franchi di multa.

Il Consiglio degli Stati è formato da 46 membri eletti per 4 anni (per ogni Cantone) in base al sistema elettorale dei singoli Cantoni (generalmente i Cantoni applicano il majority system mentre nello Jura e Neuchâtel si applica il sistema proporzionale e nei piccoli Cantoni di Appenzel Ausserrhoden e Glarus gli elettori si incontrano all’aperto e votano per alzata di mano). È la Camera che rappresenta pariteticamente tutti i Cantoni che hanno diritto a 2 seggi tranne i cosiddetti mezzi Cantoni, ossia Basel-Stadt, Basel-Landschaft, Obwalden, Nidwalden, Appenzell Ausserrhoden e Appenzell Innerrhoden che hanno diritto ad 1 seggio.

L’elettorato attivo è fissato a 18 anni mentre quello passivo dipende dalla legge cantonale.

Il sistema partitico è sempre stato frammentato a causa delle diversità etniche, linguistiche e religiose della società elvetica. I partiti principali, da sempre al governo, sono: Partito Popolare Svizzero/Unione Democratica di Centro (orientamento populista di destra, euroscettico, anti immigrazione) nato nel 1971 dalla fusione del partito dei contadini, degli artigiani e dei borghesi con il Partito Democratico, Partito Socialista/Socialdemocratico Svizzero nato nel 1888 (centrosinistra, favorevole all’adesione della Svizzera nell’UE), Partito Liberale Democratico. I liberali fondato nel 2009 dalla fusione del Partito Liberal Democratico (chiamato anche Radicale Democratico fondato nel 1894) e il Partito Liberale fondato nel 1913 (liberalismo classico favorevole alla cooperazione con l’UE ma non all’adesione), Partito Democratico Cristiano (centrista, favorevole ad un’economia sociale di mercato) le cui origini risalgono al 1848 (allora si chiamava Partito Conservatore Cattolico).

 

Anni e numero di elezioni

Formula elettorale

Grandezza media della circoscrizione

Numero delle circoscrizioni

N° seggi

Struttura della votazione

1947-2019 (19)

Hagenbach-Bischoff e media più alta. 6 seggi assegnati col FPTP

7,69

26 cantoni (Zurigo elegge 35 deputati)

200

Gli elettori possono votare tanti candidati (anche di diversi partiti) quanti sono i seggi assegnati al cantone di riferimento.

Ogni elettore può votare per una lista così com'è o modificarla cancellando o scrivendo i nomi che compaiono su di essa; egli può inoltre dividere il suo voto tra liste diverse (panachage) o selezionare i nomi da liste diverse per formare la propria su una scheda elettorale in bianco.

L’elettore non può votare più di 2 volte lo stesso candidato.

Fonti: Interparliamentary Union, http://en.wikipedia.org/wiki/Elections_in_Switzerland, http://electionresources.org/ch/nationalrat, http://www.bfs.admin.ch/bfs/portal/fr/index/themen/17/02/blank/key/national_rat/mandatsverteilung.Document.21768.xls e http://www.globalgeografia.com

 


[1]Col termine panachage che deriva dal verbo francese panacher (mescolare), viene indicata la possibilità data all'elettore sia di esprimere un voto di preferenza per candidati appartenenti ad una lista diversa rispetto a quella votata, sia di redigere su un'apposita scheda in bianco una nuova lista di candidati.

Ultimo aggiornamento (Lunedì 04 Novembre 2019 19:18)