Get Adobe Flash player

Elezioni legislative Regno Unito 2015

Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 
ARCHIVIO POLITICA

Il 7 maggio si sono svolte nel Regno Unito le elezioni per il rinnovo della Camera dei Comuni. Il Partito Conservatore del premier uscente David Cameron ha vinto le elezioni ottenendo la maggioranza assoluta dei seggi. Tutti i sondaggi hanno clamorosamente fallito le previsioni che davano un testa a testa fino all’ultimo seggio tra Partito Laburista e Partito Conservatore. Inoltre, i sondaggi davano quasi certa la permanenza di un Parlamento “appeso” o “sospeso” (hung parliament) con un nuovo governo di coalizione, che sarebbe stato il secondo nella storia dopo quello della passata legislatura.

Il premier Cameron, nella precedente legislatura (2010-2015) ha governato in coalizione con Partito Liberal Democratico di Nick Clegg. Cameron è il Primo Ministro che per primo dal 1900 è stato riconfermato guadagnando in voti (il Partito Conservatore ne ha ottenuti 11.334.726, circa 600.000 in più rispetto al 2010) e, assieme a Margareth Thatcher, è il primo a guadagnare in seggi (331, 25 in più rispetto al 2010).

Il Partito Laburista guidato da Ed Miliband, ha subìto una pesante sconfitta in termini di seggi (232, 24 in meno rispetto al 2010) pur aumentando il numero di voti ottenuti (9.347.324, circa 745.000 in più rispetto al 2010). In termini di seggi, per il Labour Party è il peggior risultato ottenuto dal 1987 (prese 229 seggi).

Per il Partito Liberal Democratico di Clegg è stata un’autentica disfatta. Rispetto alle elezioni del 2010 ha perso circa 4.400.000 voti ed è passato da 57 ad 8 seggi.

Il Partito per l’Indipendenza del Regno Unito (UKIP) di Nigel Farage, vincitore alle elezioni europee di un anno fa, pur diventando il terzo partito in termini di voti avendone ottenuto 3.881.099 (quasi 3.000.000 di voti in più rispetto al 2010), ha conquistato un solo seggio, seppur il primo nella sua storia parlamentare. Rispetto alle europee l’UKIP ha perso circa 500.000 voti e Farage è stato battuto nel collegio in cui si è candidato.

Da notare che Miliband, Clegg e Farage si sono immediatamente dimessi.

Ottimi risultati per il Partito Nazionalista Scozzese (SNP) di Nicola Surgeon (Primo Ministro della regione scozzese e non candidata alle presenti elezioni) e per i Verdi (inglesi e gallesi). Lo Scottish National Party ha ottenuto 1.454.436 voti (circa 1.000.000 in più rispetto al 2010) conquistando 56 seggi su 59 del territorio scozzese (50 in più rispetto al 2010).

I Verdi hanno ottenuto 1.156.149 voti (circa 900.000 in più rispetto al 2010) conquistando 1 seggio come nel 2010.

Riguardo la campagna elettorale, il Partito Conservatore di Cameron è riuscito a comunicare efficacemente all’elettorato i buoni risultati macroeconomici ottenuti, mentre il Partito Laburista ha mostrato una debolezza programmatica a livello di politiche sociali al punto che non si notano differenze significative con i conservatori. Inoltre, la possibile alleanza tra laburisti e Partito Nazionalista scozzese (che vuole l’indipendenza della Scozia dal Regno Unito) pare abbia spaventato l’elettorato britannico. Nonostante l’indiscussa affermazione di Cameron, egli dovrà tenere a bada le due anime del suo partito: quella pro Europa e quella euroscettica. Questo soprattutto per il fatto che in campagna elettorale ha promesso, nel 2017, un referendum sulla permanenza nell’Unione Europea il cui esito potrebbe mettere in discussione la sua leadership.

Da notare che il sistema elettorale first past the post ha penalizzato pesantemente l’UKIP (S-V= -12,49% e S/V= 0,01) e i Liberal Democratici (S-V= -6.64 e S/V= 0,16), mentre ha sovrarappresentato ampiamente il Partito Conservatore (S-V= +14% e S/V= 1,38), Il Partito Nazionalista Scozzese (S-V= +3,88% e S/V= 1,82) e il Partito Democratico Unionista (S-V= +0,63% e S/V= 2,05). Attenzione, quindi a demonizzare l’Italicum il quale sicuramente garantisce la governabilità, è monotonico (in quanto il partito che vince a voti vince sempre a seggi) e garantisce una migliore rappresentatività per i partiti minori in confronto al first past the post system.

Ultimo aggiornamento (Lunedì 19 Giugno 2017 16:58)